Home » Management in Farmacia » Obiettivi individuali

Obiettivi individuali

Obiettivi individuali - Comunicazione in Farmacia

Definizione degli obiettivi individuali

Andrea, da poco nominato direttore nella farmacia dove lavorava, che fa parte di un importante gruppo, incontra i collaboratori per definire gli obiettivi individuali. La prima è Anna, che nell’esempio precedente aveva espresso alcune riserve.

Andrea:
Allora, Anna, eccoci qui. Come avevo detto vorrei che ciascuno avesse obiettivi personali, sfidanti, ma raggiungibili.
Hai suggerimenti, idee?
Anna
Hai detto che c’è un obiettivo di incremento del fatturato. Di quanto?
Dell’8%, ma non è il solo obiettivo della farmacia.
Bene: siamo 4 collaboratori. Se ci prendiamo il 2% ciascuno, il gioco è fatto!
Non è proprio così. Dimentica per un momento la percentuale di incremento e ragioniamo. Tu sei arrivata da poco, e hai esperienze in altre farmacie. Quale pensi possa essere il tuo peculiare contributo alla crescita del nostro gruppo, della nostra farmacia?
Non saprei, e soprattutto non voglio fare la prima della classe in un ambiente nuovo. È vero che ho lavorato in altre farmacie, ma due degli altri hanno più esperienza di me.
Tra noi non ci sono primi della classe, ma so che ciascuno ha delle conoscenze o delle capacità particolari. Quali sono le tue?
Vediamo … amo gli animali e conosco bene i problemi di cani e gatti.
Splendido! Potresti quindi rivedere il nostro reparto veterinario? Ed essere la nostra esperta in questo settore? 
Sì, certo, ma questo come può aiutarti? E può essere un obiettivo?
Domande
  • Cosa pensate dell’approccio di Andrea?
  • Quali caratteristiche deve avere un obiettivo?
  • L’impegno preso da Anna come può essere formulato per diventare un obiettivo?