Home » Mettiti alla prova » Sei un disastro! - Caso pratico

Sei un disastro! - Caso pratico

Sei un disastro! - Caso pratico - Comunicazione in Farmacia

Feedback e livelli logici

 

Usciamo per un po’ dal mondo della farmacia per tornare su un argomento importante: il feedback e i livelli logici. Questo caso pratico evidenzia come alcune modalità di linguaggio siano utili anche nella vita quotidiana.

Storia

Anna e Luigi hanno deciso di concedersi un week end lungo, visto che quest’anno di ferie vere non se ne parla. Ora stanno preparando le cose per partire. Anna cerca la roba da mare, costumi, telo da spiaggia, bermuda, copricostumi, ciabatte ...

Man mano che tira fuori le cose, le passa a Luigi che prepara la valigia. Fino a quando …

Anna, non ci sta più niente. Ma quante cose dobbiamo portare per quattro giorni scarsi!

Aspetta, vengo a vedere. Ma no! Sei il solito disastro. Se metti le cose così per forza non ci sta niente.

Luigi si offende, ed esce sbattendo la porta.

Domande

  • Il caldo, la stanchezza e la voglia di vacanza possono giocare brutti scherzi. È Luigi ad essere suscettibile o Anna poteva esprimersi in un altro modo? Perché? E come poteva esprimersi Anna?

Risposte

È Luigi ad essere suscettibile o Anna poteva esprimersi in un altro modo? Perché?

Certo Luigi è stanco, e questo lo può rendere suscettibile. Ma Anna si è espressa malamente. La frase pronunciata da Anna pone l’accento su ciò che, secondo lei, è Luigi, quindi (in base alla classificazione dei livelli logici) si riferisce ad un livello alto. Le parole di Anna possono essere lette come un attacco addirittura a livello di identità, infatti Anna ha usato il verbo essere.

Per non essere mal interpretata (e per non risultare offensiva) Anna avrebbe dovuto far riferimento ai due gradini più bassi dei livelli logici: ambiente e comportamento. Sono questi, infatti, i due livelli che possiamo vedere e toccare con mano, e quindi eventualmente contestare in un’altra persona, senza rischiare di offendere.

E come poteva esprimersi Anna?

Anna avrebbe potuto semplicemente dire: Ma hai fatto un disastro! (l’accento è posto sul comportamento)

Oppure, meglio ancora, Quella valigia è un disastro! (l’accento è posto sull’ambiente)

A volte basta poco per offendere, ma basta altrettanto poco per trovare le parole giuste!