Home » Management in Farmacia » Vi piace il vostro lavoro?

Vi piace il vostro lavoro?

Vi piace il vostro lavoro? - Comunicazione in Farmacia

Da qualche anno i guru del management si occupano e preoccupano sempre più del benessere personale. Ci sarà un motivo!

Non so quanti anni avete, ma se avete superato i 30 anni potete osservare una marcata evoluzione delle teorie di management.

Fino a una decina di anni fa, la stragrande maggioranza delle teorie di management di occupavano prevalentemente di aspetti economici: ritorno sugli investimenti, obiettivi e carriera erano le parole d’ordine. E la netta separazione tra lavoro e privato era un assoluto obbligo.

Poi qualcosa è cambiato. Si è “scoperto” lo stress lavoro correlato, gli psicologi sono entrati in azienda con il preciso obiettivo di curare il benessere.

Le aziende, e il sistema lavoro, non sono stati improvvisamente attaccati da un virus di bontà!

I maestri di business si sono semplicemente resi conto dei profondi cambiamenti avvenuti nella società. Quando il sistema è sostanzialmente stabile, le persone svolgono prevalentemente compiti, anche chi si trova a livelli gerarchici alti. Ma quando ci sono sconvolgimenti, come quelli che stiamo vivendo, è necessario che tutti mettano in gioco le proprie capacità per ottimizzare il lavoro, risolvere problemi e rinnovare in maniera creativa le attività.

E si è scoperto che il benessere genera persone più creative.

Ora moltissime scuole di business e management  lavorano con la piena consapevolezza che tra benessere personale e successo professionale (e con il termine successo non indico solo la carriera, ma lo svolgimento ottimale della propria professione) esiste una sinergia.

Ciò non significa che, improvvisamente, dobbiamo portare i problemi di lavoro a casa o viceversa: è bene tenere i due spazi separati. Ma finalmente possiamo perseguire il benessere e l’equilibrio personale sapendo che questo porterà benefici anche alla nostra professione.

E chissà, forse in un futuro non lontano riusciremo a ridere dei tempi in cui si pensava che la donna dovesse scegliere tra famiglia e carriera!